L’Allevamento del Bestiame, l’Agricoltura ed Internet delle Cose

Articolo

La necessità di espandere la produzione agricola in una maniera che generi più cibo per una popolazione esigente ed in continua crescita, si sente in tutto il mondo. Questa forte domanda, però, è in violento contrasto con la preoccupazione globale riguardo alla riduzione ed alla scomparsa delle risorse naturali come la terra e l’acqua. Inoltre, al giorno d’oggi, forse persino maggiormente rispetto al passato, i consumatori danno maggiore importanza alle condizioni in cui sono tenuti gli animali dedicati al consumo umano, così tanto che il benessere degli animali è oggi diventato un importante fattore che decide gli schemi dei consumi. 

Mentre tutti questi problemi sono in competenza tra di loro per attirare l’attenzione, i metodi tradizionali di allevamento del bestiame e di gestire l’agricoltura combattono per tenere il passo. Tradizionalmente, ogni cosa in una fattoria veniva fatta a mano o con un certo grado di intervento umano – dal monitoraggio della salute e delle condizioni del bestiame all’ottimizzazione dell’ecosistema della fattoria – i contadini delle fattorie tradizionali dipendevano dall’andarsene a spasso per tutta la fattoria, dalle osservazioni effettuate visivamente e dagli interventi umani quasi per ogni cosa. Tutto questo rendeva particolarmente inefficace ogni operazione della fattoria, che richiedeva molto tempo ed era parecchio soggetta a errori umani.   

Melita.io si è recentemente imbarcata in una nuova tecnologia che offre delle soluzioni che affrontano e risolvono proprio queste preoccupazioni.  

Questa nuova soluzione utilizza Internet delle Cose (IoT) per aiutare i contadini a   monitorare da remoto vari aspetti della loro fattoria da una postazione centrale, in tal modo abbandonando i controlli fisici e le passeggiate per tutta la loro fattoria. Tale tecnologia consente ai contadini di monitorare la posizione del proprio bestiame, rendere automatiche certe funzioni come l’alimentazione, la pulizia e l’illuminazione compresi i livelli delle temperature. La tecnologia si può anche usare per monitorare la salute del bestiame così come il loro benessere, tutto fatto da una postazione unica. In sostanza le informazioni consentono ai contadini di ottimizzare le loro operazioni e prendere delle decisioni guidate dai dati in modo tempestivo.  

Il monitoraggio del bestiame tramite Internet delle Cose di Melita.io usa dei sensori intelligenti che possono sia essere installati in tutta la fattoria, oppure portati dal bestiame sotto forma di fasce elettroniche, o ingeriti dalle mucche e dagli altri animali grandi per monitorare i loro organi vitali interni. I sensori leggono dei dati come il livello di ammoniaca nell’atmosfera della fattoria, il battito cardiaco di un animale e la sua pressione sanguigna, la temperatura ed i livelli di illuminazione nei pollai, i movimenti delle mandrie, i dati del ciclo riproduttivo,ed altri dati importanti. Tutto ciò viene inviato in tempo reale ad una piattaforma di Internet delle Cose e sulla base de questi dati i contadini possono prendere delle decisioni immediate sulla base di fatti. Ciò serve a migliorare la qualità della vita ed il ciclo di vita del bestiame evitando ai contadini di dover prendere delle decisioni drastiche sulla base dell’istinto e dell’esperienza. 

Trasmettendo i dati tramite LoRaWan di Melita o la Rete a Banda Stretta (NB-IoT), i sensori necessitano di pochissima potenza, il che vuol dire che dureranno a lungo senza bisogno di sostituzione delle batterie. Essi possono anche trasmettere dati dalle località più remote e dagli ambienti più isolati. 

Mentre il beneficio più immediate nella gestione del bestiame tramite Internet delle Cose è che degli avvisi emessi in tempo reale consentono di aumentare l’efficienza della fattoria, nel lungo termine, la lettura e l’analisi dei dati consentono al contadino di prendere delle decisioni a lungo termine sulla gestione operativa della fattoria. Una volta che tali dati sono disponibili essi possono essere usati per rendere automatiche certe funzioni come l’illuminazione e le temperature, l’alimentazione e la pulizia.  

Tutto ciò risulta essere di beneficio non solo al contadino per la diminuzione delle spese operatve e l’ottimizzazione della produttività ma anche al consumatore finale che, grazie a questa tecnologia, otterrà alla fine un prodotto di qualità migliore. Infine, essa apporterà anche dei vantaggi agli animali per il loro benessere, cosa che resta una delle preoccupazioni in maggior crescita tra tutti i consumatori. 

Per spaerne di più riguardo a come melita.io possa aiutare la vostra attività commerciale ad approfittare della potenza di Internet delle Cose, contattateci [hyperlink al modulo per contatti] 

  

 

Vuoi capire come funziona?Ordina gratuitamente il nostro kit di prova M2M

Che tu stia testando nuovi dispositivi o costruendo una prova di fattibilità per un cliente, il piano test M2M ti consente di partire immediatamente. Prova tutte le funzioni di connettività richieste dalla tua applicazione tramite un kit di prova che include 10 schede SIM con dati e SMS condivisi tra loro.

Gratis 10 schede SIM da 100 MB e 100 SMS condivisi per 90 giorni.